ADOTTATO – GIGI – ADOZIONE DEL CUORE PER LUI, DOPO TANTE SOFFERENZE

AGGIORNAMENTO DELL’ 11 OTTOBRE 2012,

GIGI CERCA ADOZIONE DEL CUORE PERCHè PURTROPPO SE LO REIMMETTESSIMO NELLA CAMPAGNA DA DOVE PROVIENE PER LUI NON CI SAREBBERO SPERANZE…. DOPO LA FERITA CURATA, IL TUMORE AL PADIGLIONE AURICOLARE ASPORTATO…ECCO CHE INSORGE IL DIABETE. GIGI PER SOPRAVVIVERE HA BISOGNO DI INSULINA OGNI GIORNO (IN PUNTURA) E ALIMENTAZIONE ADEGUATA.CERCHIAMO UNA FAMIGLIA CHE LO OSPITI NEGLI ULTIMI ANNI (SPERIAMO) DELLA SUA VITA.. COME ASSOCIAZIONE CI IMPEGNIAMO NEL SOSTENERE LE SPESE CHE L’ALIMENTAZIONE E LA CURA COMPORTERANNO.. L’IMPORTANTE E’ DARGLI PACE E SICUREZZA, SIA AFFETTIVA CHE TERAPEUTICA..SE LO MERITA!!!! GIGI E’ UN GATTONE UN PO’ TERRITORIALE CON GLI ALTRI GATTI MASCHI, MA E’ ABITUATO ALLA LORO PRESENZA COME A QUELLA DEI CANI…SENZA CONSIDERARE CHE E’ DI UNA DOLCEZZA INFINITA CON LE PERSONE! SO CHE SARA’ DIFFICILE PER L’ETA’ E LE CONDIZIONI DI SALUTE…MA CI VOGLIAMO PROVARE TUTTI INSIEME??? GRAZIE!!!!!!!!!!

PER INFO 3805218507            3398141431

pistoia@oipa.org

QUI DI SEGUITO ECCO COSA SCRIVE LA DOTT.SSA AGNESE LOMANTO, LA VETERINARIA CHE LO SEGUE: Gigi, gatto maschio, tigrato, 15 anni, 6 kg, mi è stato portato intorno al 24 di maggio del 2012 con un’estesa ferita in suppurazione occupava tutto il collo e parte della testa, interessando anche i padiglioni auricolari. Ho eseguito una pulizia chiururgica della ferita il giorno stesso (ed anche la castrazione), ma non è stato possibile suturare i margini data l’estensione della lesione e quindi l’unica possibilità di guarigione era quella per seconda intenzione, vale a dire lasciare che il tessuto di granulazione riempia gli spazi dove prima c’era la pelle. La situazione si è risolta piuttosto velocemente perché in circa due mesi e mezzo la pelle si è completamente richiusa. Durante questi due mesi Gigi è stato fasciato e medicato inizi almente due volte al giorno, poi una volta al giorno e poi a giorni alterni e ha dovuto affrontare una cura antibiotica molto lunga che scongiurasse une reinfezione della ferita, nonostante la continua pulizia. Contemporaneamente Ho curato la sua otite monolaterale, molto purulenta e indomabile che però puntualmente si ripresentava, nonostante controlli e regolare pulizia.Una volta però interrotte tutte le terapie farmacologiche si è potuta manifestare la sua patologia auricolare che le medicine tenevano sotto controllo, mascherandola, ovvero un polipo auricolare molto profondo, molto probabilmente la causa di un fortissimo dolore che portava Gigi a grattarsi fino a provocarsi lesioni sulla pelle… che si è poi infettata che ha ridotto Gigi nelle condizioni in cui mi è stato portato.Il 28 Agosto 2012 Gigi è stato di nuovo anestetizzato e operato per rimuovere questa neoformazione che impediva all’orecchio di guarire, anche se la pribabilità di recidiva è comunque alta.Le cose poi però si sono ulteriormente complicate. La ferita chirurgica ha avuto una guarigione molto lenta rispetto al normale e rispetto alla ferita di maggio e in più Gigi ha iniziato a manifestare poliuria e polidipsia (cioè aumento della produzione di urine e aumento della sete) e gli esami del sangue hanno evidenziato, oltre alle alterazioni dell’età, uno spiccato Diabete.Adesso Gigi sta bene, pesa 8 kg, gioca, prende il sole e fa due iniezioni di insulina al giorno e mangia cibo specifico, ma esiste la possibilità di poter controllare la malattia solo con una rigida alimentazione una volta che i parametri sono rientrati.

Facebooktwittergoogle_plusmail