EAT DIFFERENT – Divertirsi senza uccidere gli animali

Quante volte, prima di sederci a tavola, ci siamo domandati “che cosa mangio oggi?”

Questa semplice domanda dovrebbe avere una diversa formulazione :” chi mangio oggi? “

Scegliere di non mangiare animali, di non esser complice di un massacro costante e duraturo, non è solo una scelta alimentare, ma ha anche risvolti etici globali. Vediamo perché:

Gli animali sono esseri senzienti, capaci di provare emozioni, dolore, felicità, paura, proprio come noi. La loro breve vita si consuma inizialmente nelle minuscole gabbie stipate degli allevamenti intensivi, spesso incatenati senza possibilità di muoversi, senza mai la possibilità di uscire alla luce del sole, passando poi per l’interminabile viaggio che li porta verso la fine della loro esistenza,il macello. Prendiamo come esempio una mucca: in media viene macellata dopo 5 anni di vita , dopo esser stata sfruttata fino allo sfinimento per il suo latte. Stordita, appesa ad un gancio, sgozzata, lasciata dissanguare e infine tagliata a pezzi. La sua vita media in natura sarebbe di 20 anni. Il piacere del palato o la semplice abitudine non giustificano tanta sofferenza. Vivere in armonia con la natura ed il mondo significa rispettare la vita di chiunque lo abiti.

  • Il consumo di carne e pesce si ripercuote a livello planetario sull’ambiente e sullo sfruttamento delle risorse naturali. Pensiamo che ad oggi quasi il 50% dell’acqua potabile è destinato agli allevamenti intensivi, proprio mentre l’acqua sta diventando un bene sempre più raro e prezioso. E ancora, ogni 2 secondi viene abbattuta una foresta grande come un campo da calcio per ricavarne pascoli per gli allevamenti di animali da carne. Pensate che per produrre 200 grammi di bistecca occorrono 2 chilogrammi di cerali, e con 2 chilogrammi di cereali si potrebbero sfamare 8 bambini. E’ proprio il caso di dire che il bestiame dei ricchi mangia il cibo dei poveri.
  • I risultati delle ricerche sui vegetariani e vegani hanno documentato un ridotto rischio di malattie croniche, un aumento della longevità, ridotti valori di peso corporeo e pressione arteriosa, ed un miglior stato generale di salute. Gli individui che consumano elevate quantità di cibi vegetali evidenziano un rischio ridotto per molte malattie croniche, mentre gli individui che consumano elevate quantità di carne e grassi animali presentano un rischio aumentato.” (ADA -American Dietetic Association-)

PER QUESTE E ALTRE MOTIVAZIONI NOI VOLONTARI E VOLONTARIE DI OIPA PISTOIA ABBIAMO CREATO IL PROGETTO“EAT DIFFERENT!”.

Il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare e diffondere una cultura etica e consapevole, attraverso serate ed eventi che dimostrino com’è possibile divertirsi e mangiare bene senza rendersi complici dello sfruttamento e dello sterminio di milioni di animali.

Facebooktwittergoogle_plusmail